le due bionde

le due bionde

giovedì 1 novembre 2012

Vellutata di castagne

Buon Ognissanti a tutti!!
Ieri sera abbiamo avuto ospiti a cena, la compagnia è stata molto piacevole, tra una chiacchera e l'altra abbiamo fatto tardi e oggi sono più rimbambita del solito.
Dopo il mio post dovrò sbrigare e mettere in ordine perchè non mi piace mai farlo durante la cena, preferisco dedicare il mio tempo agli ospiti, non voglio preoccuparmi di piatti e bicchieri sporchi durante la serata.
E poi mi piace svegliarmi il giorno dopo e trovare ancora la tavola apparecchiata, guardare come gli ospiti hanno lasciato il tovagliolo, il bicchiere, come hanno spazzolato il piatto ecc... Non lo faccio assolutamente pensando di criticare, ma soltanto per ricordarmi di loro. Mi piace coccolare i miei ospiti e sopratutto stupirli ogni volta. Mentre sparecchio cerco sempre di ricordare i loro sorrisi, i commenti e ricordare la serata.
Era da tanto che non invitavo qualcuno a cena, sopratutto per Elsa, ma anche lei è stata bravissima e non ha combinato guai.
La mia ricetta di oggi è a base di castagne.








































Sinceramente fino a qualche giorno fa pensavo di non postare nessuna ricetta con le castagne, non perchè non mi piacciano, ma soltanto perchè odio sbucciarle.








































Parlando di castagne colgo anche l'occasione per ripresentarvi una torta che trovate qui.
Dalle foto non sembra bellissima, ma vi garantisco che è di una bontà unica.








































La cosa più antipatica di qualsiasi ricetta con le castagne è sbucciarle.
Per sbucciarle più facilmente io le lesso prima.
Pratico un'incisione nella buccia con un coltello appuntito, le faccio bollire in acqua per circa un'ora, poi cerco di aprirle a metà e tiro fuori la polpa con un cucchiaino.












































Ingredienti per 4 persone:
250 g di castagne sbucciate
80 g di cipolla tagliata finemente
30 g di burro
1/2 l di brodo vegetale
1/4 di bicchiere di vino bianco secco
250 ml di panna fresca
pepe nero appena macinato
un pizzico di noce moscata
cannella in polvere

Fate appassire la cipolla nel burro, aggiungere le castagne spezzettate, bagnare con il vino bianco, farlo evaporare per bene, aggiungere il brodo e la panna e continuare a cuocere a fuoco basso per 20 minuti circa.
Frullare la minestra di castagne, aggiustare di sale, condire con pepe e noce moscata.
Versare nei piatti, decorare con qualche pezzetto di castagna bollita e una leggera spolveratina di cannella.








































Non saprei dirvi di preciso se questa sia una ricetta tipica altoatesina oppure no, so soltando che è un piatto molto comune da queste parti.
Ho sentito dire che questa vellutata sia anche molto buona con del tartufo grattugiato o olio aromatizzato al tartufo, io non l'ho ancora provata.

Buona giornata a tutti!!!
Sabina

29 commenti:

  1. L'anno scorso ho fatto diverse vellutate con le castagne, soprattutto con la zucca, ma questa versione la devo provare, amo le castagne e non me la lascerò sfuggire! Basta non perdere la pazienza per sbucciarle :P
    Buona giornata carissima!
    Ps: foto stupende!

    RispondiElimina
  2. Sembra molto buona!!! anche io odio spelare le castagne!!!!!!

    RispondiElimina
  3. anche io preferisco sistemare il giorno dopo e passare il tempo con i miei ospiti! le castagne non mi piacciono, ma mi piace passare da te per un saluto :-)

    RispondiElimina
  4. Mi è piaciuto leggere ciò che hai scritto in merito al rivedere la tavola il giorno dopo per ricordare i tuoi ospiti e la piacevolezza della serata, non avevo mai riflettuto su questo, sull'osservare come hanno lasciato il tovagliolo o il piatto. Questa azione prevede un'attenta analisi e una grande capacità di osservazione sulle persone care, è una cosa molto interessante. Passando alla ricetta, questa vellutata dev'esser davvero buona, mi piace molto il gusto delle castagne, però è vero che è noioso sbucciarle!
    Sabato parto per il Nepal, ci "sentiamo" quando torno!!
    Un abbraccio a te e alla dolce cucciolona

    RispondiElimina
  5. Hayırlı günler, ellerinize sağlık. Çok leziz ve iştah açıcı görünüyor.


    Saygılar.

    RispondiElimina
  6. mamma mia per me che amo le castagne (non sbucciarle) la tua vellutata è paradisiaca...la provo di sicuro!

    RispondiElimina
  7. Carissima Sabina,
    Ammiro come riesci a godere di ogni attimo e di cogliere sempre l'aspetto piu prezioso di ogni cosa.
    Io quando ho ospiti spesso mi faccio prendere dall'ansia di prestazione e, per non andare a letto con il pensiero dell'indomattina, sparecchio sempre tutto subito, così facendo mi rendo solo ora conto che finisco per trascurarli...
    E quando mi alzo la mattina che vedo il disordine , mi lamento sempre ...
    Vedi, le tue parole mi hanno fatto riflettere : perché tutta questa fretta e ansia quando ci si deve godere gli ospiti fino in fondo ? E poi, vuoi mettere la descrizione della tua sensazione di osservare la tavola così come lasciata dagli stessi per per cogliere l'essenza di quel che hanno provato, mangiato e lasciato?
    Ti ringrazio Sabina. Sei una persona davvero positiva e lungimirante e non posso che prendere spunto dal tuo amore per le piccole cose.
    E grazie anche per questa speciale vellutata... Gia la immagino con l'olio aromato al tartufo che ho e che amo follemente ^_^
    Buon ponte, cara.

    RispondiElimina
  8. Abbiamo un'altra cosa in comune...anch'io quando ho amici a cena lascio tutto com'e' e mi rifaccio alla mattina dopo...la ricetta di oggi a base di castagne deve essere squisita anche se la mia esperienza con questo ingrediente si limita a scorpacciate di caldarroste nelle fredde serate autunnali (Stasera sara' una di quelle)...Ciao e un bacione a tutte e due.MonicaB.

    RispondiElimina
  9. Eilà Saby! Che buona questa vellutata, me la sono segnata subito! Ho un bel po' di castagne da smaltire e siccome mi piacciono un sacco voglio provarle in una vellutata. Hai ragione, sbucciarle è una vera seccatura...ma se il risultato è questo vale davvero la pena. Buona giornata carissima, un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. Cara Sabi, anch'io come te, preferisco godermi la serata assieme ai ospiti e lasciare per dopo i piatti, i bicchieri, e il resto. Sapessi com'è la mia cucina quando i ospiti se ne vanno...sotto e sopra! Preferisco fare cosi anche quando organizzo cene per la mia famiglia. Non mi voglio assentare per delle cose che posso fare anche dopo.
    Ora è il periodo delle caldaroste che mi piacciono tanto e poi a Budapest una volta ho assaggiato il composto di marroni che li si può acquistare tranquillamente in qualsiasi negozio di alimentari.

    La vellutata mi piacerebbe moltissimo! Brava per la presentazione, un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Ma, posso venire anche io a cena da te la prossima volta?
    Le castagne in ricetta le faccio poco perchè, come dici tu, sono antipatica da sbucciare.. ma dopo tutto questo brulicare di ricette interessanti mi sa che mi dovrò convertire.. al di là della ricetta che non è niente male, le foto sono molto divertenti con i ricci:D
    a presto carissima, un bacione:**

    RispondiElimina
  12. Il tuo è il modo più giusto di dedicarti agli ospiti, e non solo, è anche il modo più giusto per poter godere anche tu della serata.
    Normalmente anche io faccio come te, poi, dipende da come mi gira..però, preferisco sempre togliere via il grosso prima di andare a letto..ma io sono fatta strana, nel senso che il disordine mi disturba..ma ci sto lavorando.
    La crema è splendida e le foto strepitose !
    Ti bacio forte e ti auguro una piacevole e serena giornata.

    RispondiElimina
  13. Sabi mi sembra di guardarmi allo specchio con la tua desrizione!!! anche io ieri sera avevo una cena e sono stata benissimo, e mi piace coccolare gli ospiti per le pulizie c'e' sempre tempo!!!!
    questa crema e' stupenda quasi quasi te la copio!!!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, ho sbagliato tutto nella vita :-(
      Ora voglio imparare da voi!
      la prossima cena, piena attenzione e cura degli ospiti. Quant'è bella questa comunità?? quante cose buone imparo grazie a voi? vi voglio bene: Ombretta, Mary, Ely e Sabi! <3

      Elimina
  14. Tenera Sabi! Una vellutata divina.. per quanto mi piacciono le castagne.. credo che farei il bis!! :D Le foto vincono, come sempre: che atmosfera cara! Pare di potersi immaginare di gustarla nel bosco... e ti dirò, con un po' di tartufo sarebbe la gioia di Isi!! E' bellissimo quello che hai detto della cena: 'contempli il ricordo'.. sei un tesoro, davvero. Celebri proprio amicizia e vita come pochi sanno fare. Ti abbraccio forte, amica mia.. a una carezza alla brava Elsa con gli ospiti :)

    RispondiElimina
  15. Non avevo mai guardato la tavola dopo una cena con i tuoi occhi, la vedevo solo come una roba da disfare al più presto per togliermi un ennesimo lavoro dai piedi.
    Invece tu lo vivi come un momento di teneri ricordi. Ho tanto da imparare da te!

    Volevo chiederti una cosa sulle castagne, che anche io odio pelare, nei supermercati vedo pacchettini di castagne sottovuoto che chiamano castagne secche morbide. Le hai mai provate? si possono usare al posto delle fresche?
    Un bacione!!

    RispondiElimina
  16. Ciao Sabina!
    Quasi me la sono immaginata la tua tavola dopo la cena!
    Anche a me non piace rassettare tutto in serata, mi sembra una mancanza di attenzione nei confronti degli ospiti!
    Buona la tua vellutata, mai provate le castagne in un primo piatto come questo!
    Buon ponte!

    RispondiElimina
  17. eh sì, sbucciare le castagne è una scocciatura ma sono così buone che ogni tanto vale la pena lo sforzo, bellissima questa vellutata! :-)

    RispondiElimina
  18. Anche a me piace stare con gli ospiti ... ma quando se ne vanno il più delle volte sistemo quasi tutto ... è più forte di me! Vado a letto sicuramente più tardi e più stanca ma più contenta e soddisfatta! ;-)
    Che bella questa tua vellutata ... non l'ho mai fatta con le castagne e come te non mi piace molto pelarle.
    Generalmente preferisco mangiare le classiche caldarroste ... ma in effetti devo rivalutare il loro uso!!! Complimenti e le foto sono favolose!!!
    Un bacioneeeeee

    RispondiElimina
  19. Ciao Sabina.
    Buon Ognissanti anche a te!!!
    E' bello aver amici a cena, o pranzo, di buona compagnia. Anche a me piace dare tutte le attenzioni a loro, e soltanto quando vanno via sistemo tutto...
    Oggi dovevano venire una mia cara amica per pranzo, ma ho avuto una ricaduta e ho dovuto rimandare per un'altro giorno.
    Ma sto studiando la ricetta della baguette, ho fatto una ricerca e la tua ricetta mi sembra la più pratica e facile.. Mi sono decisa, voglio fare.
    La vellutata di castagne è buonissima, delicata, una vera delizia.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  20. ciao Sabina. mi ritrovo molto in quel che dici dell'avere ospiti a cena. è una cosa che anche io adoro. la tua vellutata è molto interessante, anche la mia mamma, che è molto alternativa, usa nei primi le castagne. forse è arrivato anche x me il tempo di provare. ti auguro un felice lungo weekend in famiglia, col tuo neomaritino e la bella bionda Elsa.
    ciao
    maggie

    RispondiElimina
  21. Ciao Sabina!!!
    Sai che io invece, adoro avere ospiti a casa, ma detesto svegliarmi la mattina e trovare tutto da sistemare..magari vado a letto tardissimo, ma sistemo tutto la sera...fisse mie..
    Invece come te odio sbucciare le castagne..faccio la stessa cosa, le lesso incise sulla parte piatta e poi le sbuccio..ma è una bella seccatura lo stesso :-/..
    Questa zuppa è una meraviglia Sabi, e le foto...beh non ti dico più niente..tanto lo sai che sono una tua ammiratrice!
    Bacioni! Roberta

    RispondiElimina
  22. Ciao mai cara sono felice della tua bella serata....e mi piace il tuo modo di studiare i tuoi ospiti...
    io sono come Roberta devo sistemare il grosso prima di andare a letto ....l'indomani finisco!!
    ottima presentazione per questa vellutata.....bravissima.
    a presto claudette
    ps. piatti nuovi!!!

    RispondiElimina
  23. sbucciare le castagne lesse è uno dei lavori più ingrati che ci siano!! tempo fa avevo preparato degli gnocchi di castagne e ci avevo perso tutto il pomeriggio... ma la bontà ripaga, sicuramente è stato così anche per la tua bellissima vellutata!
    buon ponte :)))

    RispondiElimina
  24. Che meraviglia questa vellutata!!!!

    RispondiElimina
  25. Ciao Sabina, che deliziosa vellutata! Io non invito quasi mai gente a cena, non perchè non ami la compagnia ma per il poco tempo che ho a diposizione. Purtroppo il mio lavoro oltre a succhiarmi le energie mi porta via anche il tempo. Mi riprometto sempre di farlo nei giorni di festa, come le vacanze di Agosto, o Pasqua, o Natale quando siamo chiusi ma poi non lo faccio quasi mai!
    A presto cara

    RispondiElimina
  26. una zuppa troppo intrigante, che per una come me che ama alla follia le castagne, è incredibile non aver mai fatta! Pelar castagne in effetti è proprio ingrato devo dire, però immagino la bontà. E poi presentata benissimo.
    Anch'io sono tipo da trovare la mattina il lavoro ancora tutto da fare, anche se magari qualche piatto dal tavolo lo tolgo, però trascurare gli ospiti per il riordino NO!
    un abbraccio a presto!

    RispondiElimina
  27. domani farò rifornimento di castagne dai contadini e poi proverò sicuramente questa zuppa golosa ... io amo le castagne ! e poi tutti gli anni preparo il" monte bianco" per il compleanno di mio fratello e sbuccio le castagne a crudo .... abitudini ... un bacione *.*

    RispondiElimina
  28. Mamma mia che crema! Sembra di toccarla...quasi quasi tiro fuori la lingua perchè queste foto sono talmente stupende che mi sembra di avere il piatto proprio qui!!!

    Bellissimo il tuo modo di prenderti cura dei tuoi ospiti e di ricordarli anche la mattina seguente1

    Fra

    RispondiElimina