le due bionde

le due bionde

lunedì 3 dicembre 2012

"Bauerngröstel" padellata del contadino

Buon lunedì cari amici,
oggi mi sento molto fiacca, ho finito il caffe e appena finisco il post vado a berlo al bar.
Proprio oggi ne avrei bevuto uno doppio, dato che Elsa mi ha buttata giù dal letto alle cinque del mattino. A proposito, ho messo qualche sua foto con il cappottino nuovo qui, nell'altro mio blog.
Cambiando discorso, ieri, grazie al giveaway, mi avete scritto veramente in tanti, nuovi followers e tante mail private. Vi chiedo soltanto un po' di pazienza, prima o poi risponderò a tutti, e se dimentico qualcuno fatemelo sapere.
Oggi avrei voluto raccontarvi tante cose, della mia serata con le blogger venute a Merano, ma perdonatemi, mi sento davvero sconnessa e quindi vado subito alla ricetta.








































Questa è un'altra ricetta tirolese, un piatto contadino che ogni famiglia altoatesina conosce molto bene. Mia mamma lo preparava spessissimo, perchè essendo un'amante del brodo di carne, il bollito in casa nostra non mancava mai.









































Parlando di storia, la maggioranza del popolo sudtirolese era di contadini ed è per questo che i piatti tradizionali del Südtirol sono molto semplici, preparati esclusivamente con ingredienti ricavati dal proprio raccolto. 
Oggi i contadini in Alto Adige sono tutti benestanti perchè proprietari di masi e terreni, semplici masi che hanno trasformato in hotel, eppure sono ammirevoli perchè hanno mantenuto le loro tradizioni, anche quelle culinarie. Il cibo biologico a km 0 c'è sempre stato. Nella dispensa di una casa di contadini non trovate altro che patate, cipolle, un pezzo di speck, formaggio, uova, cereali, frutta e verdura, tutto ciò che si può ottenere dall'orto, dai campi coltivati e dall'allevamento di bestiame.









































Ingredienti per 2 persone:
un pezzo di carne di manzo lessa (200 g circa)
300 g di patate bollite (a me piacciono quelle biologiche a buccia rossa)
2 cucchiai di olio
una noce di burro
1 cipolla tritata finemente
1 spicchio d'aglio tritato finemente
1 cucchiaino di maggiorana tritata finemente (anche quella essicata va bene)
1 foglia di alloro
un goccio di vino bianco
brodo di carne
sale e pepe
erba cipollina

Tagliate la carne di manzo e le patate a fettine o a strisce.
Nella padella scaldate il burro con l'olio, soffriggete la cipolla e l'aglio, aggiungete la carne con gli aromi, salate e bagnate con un cucchiaio di vino bianco. Fate evaporare il vino, aggiungete le patate e cercate di farle arrostire a fuoco vivo.
Quando le patate sono arrostite bagnate con pochissimo brodo e fate saltare il tutto.
Spolverate con il pepe, l'erba cipollina tagliata finemente (io uso la forbice) e servite in tavola nella padella.








































Buon inizio settimana a tutti!
Sono in crisi d'astinenza da caffe.
Un bacio
Sabina


33 commenti:

  1. Sono sicura che al secondo caffè tutto inizierà ad ingranare meglio! Ti capisco bene con le levatacce notturne, Mr- Geido ci sveglia tutte le notti alle 3 e alle 5. Aiuuutooo :) Peggio di un bimbo in culla :)
    Un forte abbraccio e speriamo che il sole di oggi (ci sarà anche a Merano) addolcisca un po' la giornata.

    RispondiElimina
  2. Ma che ricettina appetitosa!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Sabina, la tua presentazione mi ha commosso, sarà per la storia di Elsa, non so, ma mi è entrata dentro. Ti seguo con gioia, io sono una quasi pasticcera....e il mio blog è aperto a chiunque voglia un pò di dolcezza in questa vita un pò così! Ti aspetto!
    Vale
    P.S. Questo piatto mi fa proprio gola, con tutte quelle patate!!!

    RispondiElimina
  4. Buondi Sabina mi spiace sentirti cosi' fiacca spero che il caffe' al bar ti abbia un po'rissollevata!!!
    la tua padellata e' davvero squisita un piatto unico di gran sapore!!!
    un abbraccio e una carezza ad Elsa

    RispondiElimina
  5. Dopo essere stata lì, dopo aver assaporato quella meravigliosa tradizione culinaria, come potrei non amare questo piatto? Meraviglioso! :)

    p.s. sono andata a rivedermi le costine eh! Ma mi sa che me l'ero davvero perse :)

    RispondiElimina
  6. Quanto mi è piaciuto questo tuo post, amica mia. Adoro queste ricette, adoro le tue fotografie che mi fanno immergere in un'atmosfera speciale.. e adoro il fatto che sia una ricetta della tua mamma. E' buonissima, e.. quelle patate così gialle sono quelle a buccia rossa allora?? Le ho mangiate una volta e non le ho più trovate...!! Sono di un dolce e di un corposo unico! Guarda, visto come sto messa stamattina.. credo che un triplo caffè PIENO di caffeina me lo farei anche io.. se poi sto male almeno me lo sono goduto! Ti voglio bene, angioletto. Davvero.

    RispondiElimina
  7. Secondo me i contadini ne sanno una più del diavolo..mamma mia Sabina...mi è venuta una fame assurda !
    Un servizio espresso..non è previsto ?? Dai..una bella consegna a domicilio ;)
    p.s. fatti consegnare anche tu insieme a questa meraviglia...io ti offro dolce e caffè ;)

    RispondiElimina
  8. Ora ci vado anche io a leggere del giveaway.. i piatti rustici sono spesso così invitanti, un po' come il tuo che mi ricorda tanto un piatto che fa sempre mia madre..
    Tirati su ma non esagerare col caffè! :*

    RispondiElimina
  9. che bello questo piatto, mi sa davvero di famiglia!

    RispondiElimina
  10. Eccomi qua anche a leggere il post di oggi. Questo piatto della tradizione così rustico mi ispira un sacco e le patate son da urlo :-) Bacioni cara e buona giornata!

    RispondiElimina
  11. le ricette della vecchie tradizione hanno un fascino particolare..semplici e genuine..grazie ancora per questa perla!!!

    RispondiElimina
  12. Adoro le tue foto e le tue presentazioni,
    rimango incantata!!!
    Un piatto spettacolare...mi piace, anche se a casa mia raramente avanza qualcosa così finisce che i cosìdetti piatti di recupero li faccio con ingredienti creati apposta....va be'!!!
    Lo voglio provare....
    Una coccola ad Elsa

    Un abbraccio
    Monica

    (fotocibiamo)
    Monica

    RispondiElimina
  13. oh...finalmente riesco a passare...quante cosine buone mi sono persa!!!!
    i piatti della tradizione sono per me sempre una coccola, non stancano mai...e poi come li presenti tu, davvero difficile resistere!!!
    ho sbirciato Elsa con il cappottino nuovo....bellissima!
    bacioni grandi e buona giornata

    p.s.: il caffè...ah come ti capisco, per una caffeinomane come me...se non lo prendo appena alzata, povero a chi mi sta vicino...ahahaha!

    RispondiElimina
  14. spettacolare, per una patata dipendente come me, questo piatto è azzeccatissimo. baci kiara

    RispondiElimina
  15. ....Lo ripeto ogni volta...Le tue ricette sono fantastiche! Ed ogni volta oltre al sapore riesco a immaginare tante storie fantastiche.....Brava davvero :)

    RispondiElimina
  16. perfetta questa ricetta anche x riciclare la carne bollita rimasta. belle foto come sempre. io senza caffè rimango rintronata.
    un abbraccio
    maggie
    p.s. elsa col cappottino nuovo è bellissima!

    RispondiElimina
  17. Buongiorno tesoro!
    Sarà che è arrivato prepotentemente il freddo, che si avvicina Natale non so ... ma ho proprio voglia di questi piatti così confortanti, buoni, tradizionali, che ti scaldano davvero il corpo e l'anima ... e poi ho proprio voglia di dolci, tanti dolci ... ;-)
    Altro che ricettine light .. i buoni propositi bisognerebbe continuare sempre a mantenerli tali ... ma come si fa di fronte a piatti così buoni ....
    Un bacioneeeee

    RispondiElimina
  18. che super ricetta, ricca, rustica e adatta a queste belle e fredde giornate.
    Una padellata che sa di casa e di tepore famigliare...
    bella la Elsa col nuovo cappottino!

    RispondiElimina
  19. Ciao Sabi! allora preso questo caffè? immagino di si visto che oramai è l'ora del thè! :)
    Mi piace la semplicità di questo piatto io sono una grande promotrice dei sapori della terra...la nostra cucina deriva tutta da lì...
    Un bacio e buona settimana! Bellissima Elsa con il cappottino! :)

    RispondiElimina
  20. Ciao Sabina,
    Mi hai fatto venire voglia di un buon bollito..... é delizioso...
    E poi questo piatto lo devo fare assolutamente.
    Trovo che la cucina contadina sia speciale.. Semplice, piena di sapore.. l'adoro!!!!
    Bella padellata...
    Un abbraccio e un bacino ad Elsa.
    Thais

    RispondiElimina
  21. Forse l'Italia si può unire del tutto nella cucina! Provengo dal sud dell'Italia e questa ricetta rustica e contadina mi fa ritornare in mente la cucina delle mie nonne, fatta di ingredienti semplici, genuini e saporitissimi. per un attimo ho sentito il profumo che si sprigionava nella loro cucina...
    Un abbraccio,
    Grazia

    RispondiElimina
  22. Cosa devo dirti Sabi..io questi piatti li adoro..non sono una tipa da restaurant chic..mi trovo più a mio agio in trattoria o in una malga a mangiare la tua padellata del contadino....ottima idea per dare vita al bollito avanzato...è che a casa mia quando lo faccio non avanza mai...la prossima volta lo nascondo così la provo ;-)))
    Un bacione, riposati!!!
    Roberta

    RispondiElimina
  23. Ciao Sabina, mai rimanere senza caffè: io se non bevo il caffè di mezza mattina, sto male!:-) Il piatto che proponi è magnifico, io adoro la carne bollita, per non parlare delle patate. E poi è anche un modo per riciclare la carne in brodo che avanza dal giorno prima. Furbissima ricetta, prendo nota!
    Questo posto mi piace sempre di più. Non è solo scambiarsi ricette è anche e soprattutto trovare delle amiche. :-)
    Grazie, Sabina!! Baci, Ada.

    RispondiElimina
  24. adoro la tua terra e le sue ricette, ogni volta è come tornare a casa...segno questa ricetta che non conoscevo, ma so già che apprezzerei sulla mia tavola. spero tu ti sia ripigliata con un buon caffè, ciao!

    RispondiElimina
  25. Buonissima questa padellata!! mia mamma la faceva con gli avanzi dell'arrosto..

    Quanto è bella Elsa col cappottino! :)))

    RispondiElimina
  26. tu sconnessa!??! e io che ieri son passata ho scritto il commento e poi non l'ho pubblicato?!?! va beh... a ecco adesso ricordo.. mi ha distratto Elsa.. comunque queste cosa rustiche sono sempre ottime poi a me il lesso è sempre piaciuto sia al naturale che in versione polpetta, questa mi manca ma devo rimediare!!! buona giornata dolcezza un bacione

    RispondiElimina
  27. Ecco una ricetta semplice ma di un gusto...è sempre una scoperta ogni volta che vengo a trovarti.Buona giornata

    RispondiElimina
  28. Per me niente più caffè: ordine del medico! Peccato veramente, visto che il caffè era una delle mie più grandi passioni. Mi concedo il deca, ma non è la stessa cosa, e poi vado di orzo...
    La tua ottima ricetta assomiglia molto a quella che faceva mia nonna, sempre con il lesso e le patate, che chiamava le "patate sotto e sopra". Buona giornata

    RispondiElimina
  29. che padellata rustica, ricca.. gustosa.. calda e perfetta per la cena di queste sere invernali!! caffè!!?!' tasto dolente, ne sono dipendente!1 baciotti cara

    RispondiElimina
  30. Ecco la prossima volta che mi avanza la carne del lesso so cosa fare! Un piatto molto molto appetitoso, grande popolo quello degli Altoatesini, un bacione

    RispondiElimina
  31. buona questa padellata molto golosa......!! nel commento precedente mi son dimenticata di farti i complimenti per il risultato "500"" bravissima......te li meriti tutti.....
    baci claudette

    RispondiElimina
  32. Sai che la preparo anch'io? Ma da sempre..... e sì che sono siciliana! Ma... come dice mia figlia, sono Heidi inside... il mio amore per la montagna si manifesta, in maniera inconscia, anche in queste piccole cose....

    RispondiElimina