venerdì 9 settembre 2011

Gulaschsuppe (minestra di gulasch)

Sono altoatesina quindi non potevo non proporvi questa favolosa minestra.
E' un piatto tipicamente invernale o autunnale. L'ho preparata la settimana scorsa in una serata fredda e piovosa.
Mia nipote era a cena da noi, eravamo in tre ma avevo solo due bistecche così ho risolto con questa minestra.





Ingredienti per 4 persone:
200 g di carne di manzo tagliata a dadini
1 cipolla gialla
2-3 patate sbucciate e tagliate a dadini
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
vino rosso
brodo di carne
2 cucchiai di farina
paprica piccante (1 cucchiaio abbondante)
aceto di vino (1 cucchiaio)
1 foglia di alloro
1 cucchiaino di semi di cumino
olio d'oliva
sale 

Tritare la cipolla e farla dorare nell'olio caldo. Aggiungere il concentrato di pomodoro, la paprica e bagnare con l'aceto continuando la cottura, poi aggiungere il vino rosso e farlo evaporare.
Aggiungere la carne e salarla. La carne dovrebbe a questo punto rilasciare il suo liquido che si riduce continuando la cottura con un coperchio.
Cospargere la carne con la farina, mescolare e versare il brodo (1 litro e 1/2). Dopo mezz'ora di cottura aggiungere le patate, l'alloro e i semi di cumino.  Lasciar cuocere altri 3/4 d'ora finchè la minestra risulti non troppo liquida.
Assaggiare la minestra ed eventualmente aggiungere il sale alla fine.



Io e mio marito gustiamo questa minestra con del pane di segale (il paarl), accompagnata da una insalata di capuccio. E perchè no!.........bevendo anche un buon bicchiere di vino rosso Lagrein.
Per i primi freddi, luci soffuse, una bella candela sulla tavola e la serata sarà indimenticabile

7 commenti:

  1. Bravissima.. dall'aspetto mi sembra buono.
    Ti volevo chiedere; la carne va rosolata?
    Anticipatamente... Grazie

    RispondiElimina
  2. @ciao Inco, quando l'aceto e il vino sono evaporati butti la carne insieme alle cipolle che hai rosolato precedentemente e fai cuocere un po' la carne, non serve la carne rosolata perchè i pezzetti piccoli si cuociono subito e con la rosolatura rischi che diventino duri mentre così rimangono morbidi.
    fammi sapere.

    RispondiElimina
  3. Grazie!! Sei molto carina, ho fatto esattamente come mi hai detto, il risultato è stato.. mio marito e anche i bambini mi hanno fatto i complimenti sia a me, ma in particolare a te. Ah! Le mie due bambine vanno matte per il tuo cane è (bellissimo)!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  4. Ciao Sabina, sono appena tornata da una vacanza ad Ortisei dove mio marito ha mangiato una zuppa di Goulasch in un piccolo ristorante, bar, sul Passo Sella, e dato che siamo in modalità " Costacrociere" ( sigh! quanto si stava bene ), mi ha chiesto di fargliene una. Quindi navigando ho trovato il tuo blog, carinissimo, con la tua ricetta. Ho comprato tutti gli ingredienti e mi appresto ai fornelli. Ti farò sapere che combino, speriamo bene, perchè io non l'assaggerò non mangiando carne. Grazie! Antonella

    RispondiElimina
  5. Ho fatto la zuppa! Un profumo delizioso! Mio marito e i miei figli sono tanti molto contenti e anche io, visto che mi ero dedicata cosi tanto. Hanno solo criticato il fatto che c'era poco spezzatino..la prossima volta devo metterne di più, e devo tagliarlo più piccolino in modo che in ogni cucchiaiata ce ne sia sempre un pezzettino. :-) Quindi la devo rifare per diventare un'esperta. Ciao! Antonella

    RispondiElimina
  6. I prodotti di qualità sono sempre al primo posto, quando si parla di scelta giusta. Scegli anche tu la semi di quinoa bio. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NzQ1MjExOCwwMTAwMDA0OCxzZW1pLWRpLXF1aW5vYS1iaW8uaHRtbCwyMDE2MDczMCxvaw==

    RispondiElimina