le due bionde

le due bionde

domenica 23 novembre 2014

Mele al forno

Buona domenica a tutti,
oggi mi sono svegliata di buonumore, la giornata è splendida, Nina è felice e presto ci organizzeremo per fare una gita in montagna.
Oggi sarei dovuta andare a Milano, sono stata invitata ad uno speciale cooking show a quiz condotto da Simone Rugiati. Questo evento è dedicato al gioco Quiz Chef e si terrà a partire dalle ore 16.00 nel punto vendita Eataly Smeraldo. Vi avevo già parlato di questo gioco qui e ora è disponibile nelle migliori librerie e nei punti vendita Eataly. Sarebbe stato carino conoscere personalmente Simone Rugiati, ma in questo periodo mi sento particolarmente stanca e non avevo voglia di passare la giornata in treno.
La ricetta di oggi è per preparare delle meravigliose mele al forno.








































Un'altra splendida ricetta presa dal blog "Butiksofie", non potevo lasciarla sfuggire, davvero ottime.









































Pirofila e ciotoline rosse Le Creuset








































Ingredienti per 4 persone:

4 mele rosse bio
50 g di zucchero di canna
1 noce di burro
3-4 cucchiai di panna liquida
1 cucchiaio di uvetta
1 cucchiaio di mandorle
1 limone
1 cucchiaino di spezie miste in polvere (cardamomo, chiodi di garofano, zenzero, noce moscata, cannella)
1 cucchiaino di cannella in polvere
scorza d'arancia
salsa alla vaniglia

Lavate le mele, tagliate il coperchio, togliete il torsolo e irroratele con il succo di limone.
In un tegame preparate il caramello facendo sciogliere la noce di burro con lo zucchero, aggiungendo la panna e facendo addensare al punto giusto senza bruciare il tutto.
Mescolate le mandorle spezzettate grossolanamente con l'uvetta, le spezie e metà del caramello raffreddato e riempite il buco della mela.
Adagiate le mele nella pirofila, coprite con l'altro pezzo di mela che avevate tagliato (io lo chiamo coperchio di mela) e infornate a 200° per 25 minuti, passato questo tempo versate sulle mele il caramello restante e fate cuocere altri 5 minuti.
Servite le mele con abbondante salsa alla vaniglia calda.









































Buona domenica a tutti!!!
Sabina

giovedì 20 novembre 2014

"Kurbis Spätzle" gnocchetti di zucca con salsiccia e rosmarino

Buona sera a tutti,
eccomi qua con la ricetta che vi avevo promesso ieri. Conoscete gli "Spätzle"? Sono dei piccolissimi gnocchetti dalla forma irregolare tipici delle mie parti, comunissimi credo anche in Germania, Austria, Svizzera e paesi nordici, se volete saperne di più leggete qui.
Normalmente vengono preparati con spinaci, uova, formaggio, ricotta, erbe o basilico, oppure con farina di grano saraceno. Li avevo preparati tempo fa con gli spinaci, qui potete vedere la ricetta, questi sono i classici conditi con panna e prosciutto. Un'altra volta li ho preparati invece così alle uova con crema di porro e pancetta croccante.
Oggi ho voluto provare con la zucca e devo dire che sono stati un successone.








































Sono molto semplici da preparare, se si hanno gli ingredienti pronti l'impasto si prepara nel tempo in cui bolle l'acqua e poi sono subito cotti. Ci vuole l'attrezzo apposta naturalmente con cui vengono tagliati.








































Ingredienti per 4 persone:

100 g di zucca cotta al forno
1 uovo
50 ml di acqua
sale
noce moscata
130 g di farina

per il condimento:
2 salsicce mantovane
1 rametto di rosmarino
vino bianco
sale e pepe
parmigiano grattugiato

Tagliate la zucca cotta e raffreddata a pezzi e frullatela assieme all'uovo, all'acqua, noce moscata e sale. Aggiungete la farina e con un cucchiaio mescolate fino ad ottenere un composto liscio ed uniforme.
Con lo strumento apposta posizionato sulla pentola tagliate i gnocchetti che cadono direttamente nell'acqua bollente. Fateli cuocere finchè non salgono a galla e poi scolateli.
In una padella antiaderente spezzettate la salsiccia alla quale avete tolto la pelle, fatela cuocere bene con sale, pepe, il rametto di rosmarino e un goccio di vino bianco. Versate i gnocchetti assieme alla salsiccia e fate saltare in padella con abbondante parmigiano grattugiato.








































Buona serata!!!
Sabina

mercoledì 19 novembre 2014

Crema di zucca butternut

Buon pomeriggio miei cari amici,
quest'anno ho un pochino esagerato con le ricette a base di zucca, me ne rendo conto, e aspettate perchè ancora non sono finite. La zucca mi piace, ma come per tutte le cose senza esagerare, ne ho ricevute tre giganti in regalo e ancora mezza è nel frigo. Mio marito non vuole più sentirla nominare. L'ho preparata più volte al forno, zuppe a volontà, con la carne in un piatto marocchino, dolci, gnocchi e gnocchetti, cosa altro potrei fare???
La ricetta di oggi l'ho preparata ancora il mese scorso, assieme avevo girato anche il video, ma per una questione di tempo mio marito non è riuscito a montarlo, io non ne sono capace e quindi ormai rimanderemo al prossimo anno.
La crema di zucca è il tipico piatto di novembre e non potevo aspettare ancora, con l'occasione vi elenco tutte le altre mie vellutate con la zucca:
Domani se riesco vorrei postare dei gnocchetti di zucca piccoli piccoli conditi con salsiccia, rosmarino e tanto parmigiano, non sono venuti bellissimi, ma vi assicuro che erano assolutamente fantastici.












































Quello che assolutamente dovete provare se ancora non lo avete fatto è assaggiare l'olio di semi di zucca, quest'olio caratterizza veramente la crema, che accompagnata dai crostini ne diventa una vera bontà. La qualità di zucca che preferisco poi è la butternut che si presta ad ogni ricetta.








































Ingredienti per 4 persone:

50 g di burro
1/2 cipolla tritata
250 g di zucca butternut tagliata a dadini
1 carota tagliata a dadini
2 patate medie tagliate a dadini
1 l di brodo vegetale
1 cucchiaino di maggiorana
sale e pepe
4-5 fette di pancarrè
1 noce di burro
olio di semi di zucca

In una casseruola fate appassire la cipolla, aggiungete la zucca, la carota e le patate, dopodichè versate il brodo e fate cuocere le verdure finchè si ammorbidiscono. Condite con la maggiorana, sale, pepe e frullate il tutto con il frullatore ad immersione.
Tagliate il pane a piccoli cubetti e fatelo abbrustolire in una padella con il burro.
Versate la crema nei piatti fondi e servitela con un filo di olio di semi di zucca, un ciuffo di prezzemolo e i crostini di pane serviti a parte.








































Tovagliette e ceramiche Tine K Home (ora in svendita nel shop online)

Buona serata!!!
Sabina

sabato 15 novembre 2014

Cupcakes al cioccolato con frosting al burro di arachidi e caramello

Buongiorno amici buon sabato a tutti,
oggi purtroppo non ho il tempo per fare due chiacchere con voi, ho un appuntamento alle dieci e quindi vi scriverò velocemente la ricetta.








































E' un dolce molto particolare, più che altro molto ricco, il classico dolce che si vuole preparare quando vogliamo farci del male, quando vogliamo esagerare.









































Ho trovato questa fantastica ricetta nel blog " Butiksofie", il mio blog preferito per quel che riguarda il lifestyle.








































Ingredienti per 12 cupcakes:

200 g di cioccolato fondente
250 g di burro
3 uova
100 g di zucchero
80 g di farina
1 bustina di zucchero vanillinato
1 presa di sale
1 presa di cannella

per il frosting:
250 g di mascarpone
1 cucchiaio di caramello
7 cucchiai di burro di arachidi

per la decorazione finale:
granella di arachidi tostate e salate

Fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il burro.
In una scodella capiente sbattete le uova con lo zucchero e lo zucchero vanillinato, aggiungete la crema al cioccolato raffreddata, poi la farina, il sale e la cannella.
Versate il composto negli stampini da muffin foderati con gli appositi pirottini e fate cuocere nel forno preriscaldato a 170° per 20 minuti.
Preparate il frosting mescolando il mascarpone con il caramello e il burro di arachidi, versatelo nel sac a poche e tenetelo il frigo per venti minuti circa.
Quando i muffin si sono raffreddati decorateli con il frosting e la granella di arachidi.









































Buon week end a tutti!!!
Sabina

mercoledì 12 novembre 2014

Tajine di vitello con zucca

Buongiorno amici,
oggi non piove e sembra quasi strano dopo tutta l'acqua che è scesa, anche Nina si è ormai rassegnata. Cerco di scrivervi molto rapidamente la ricetta perchè voglio portare Nina a fare una bella passeggiata.
Qualche giorno fa vi ho mostrato la mia tajine nuova in ghisa Le Creuset con mele e mele cotogne alla cannella senza spiegarvi nulla di questa cottura così particolare.
Ho conosciuto queste tajine durante un viaggio in Marocco e una coloratissima e smaltata me la sono portata a casa, potete vederla qui e anche qui.








































La tajine è un largo recipiente con un coperchio a forma di cono, in Marocco per la cottura nel forno vengono utilizzate quelle in terracotta mentre per servire in tavola si utilizzano quelle smaltate.
Questo metodo di cottura a fuoco lento è ideale per carne, pesce, frutta e verdura, il vapore si condensa sulle pareti del cono amalgamando tutti gli aromi e aggiungendo così acqua alla pietanza.
Gli alimenti cuociono nel loro sugo senza asciugarsi assorbendo tutti gli aromi delle spezie. La carne ad esempio durante questa cottura lenta rimane sempre molto morbida.








































Adoro la cucina marocchina e se andate a vedere tra le mie ricette ne trovate diverse di questo paese meraviglioso. In quasi tutti i libri di cucina marocchina le ricette sono realizzate con il tajine in terracotta da mettere in forno, che però nei nostri forni piccoli non entrano.
Fino ad oggi ho sempre cucinato questi piatti in una normale casseruola dalle pareti spesse con coperchio.








































La tajine Le Creuset in ghisa invece è adatta alle nostre cucine moderne, a tutte le fonti di calore, compresa anche l'induzione se non sbaglio e non necessità di particolari precauzioni.
Io l'ho utilizzata sul fornello a gas e la cottura è stata eccellente, il calore era ben distribuito e la carne si è cotta lentamente proprio come nelle tajine in terracotta.








































Ingredienti per 4 persone:

800 g di carne di vitello tagliato a cubetti
500 g di polpa di zucca tagliata a cubetti
2 pomodori
una cipolla
1 cucchiaino di coriandolo (io ho utilizzato quello secco)
1 bastoncino di cannella
1 cucchiaino di paprica
1/2 cucchiaino di curcuma
1 cm di zenzero grattugiato
1/2 cucchiaino di cumino macinato
2 cucchiai di miele
prezzemolo
olio extravergine d'oliva
sale e pepe

Mettete il tajine sul fuoco alto, versate un filo d'olio e quando è ben caldo fate rosolare la carne in modo uniforme. Abbassate la fiamma, aggiungete la cipolla affettata, sale, pepe,  tutte le spezie e fate cuocere per 5-10 minuti mescolando spesso in modo che la carne assorba bene tutti gli aromi.
Immergete i pomodori in acqua bollente per pochi secondi, eliminate la pelle, i semi interni, tagliateli a cubetti piccoli e versateli nella carne.
Versate mezzo bicchiere di acqua, mescolate, coprite con il coperchio e sempre a fiamma bassa fate cuocere per un'ora circa.
Tagliate la zucca a cubetti, aggiungetela allo stufato, versate sopra il miele (io non l'ho messo, non amo troppo il dolce) e continuate la cottura finchè la zucca è morbida. Proseguite la cottura senza coperchio se eventualmente la salsa fosse troppo liquida finchè si riduce un po'. Aggiungete alla fine il prezzemolo ed eventualmente il coriandolo fresco.
Servite la vostra tajine calda in tavola con una scodella abbondante di cous cous.

Ho utilizzato gli ingredienti della ricetta presa dal libro "Tajine" di Martine Lizambard edito da Guido Tommasi, ma il procedimento l'ho completamente cambiato.








































Buona giornata a tutti!!!
Sabina

mercoledì 5 novembre 2014

Preparato per cioccolata calda in tazza

Buona sera a tutti,
beh dopo il post di ieri non mi sarei aspettata proprio di postare una ricetta anche oggi, ma a me fa sempre bene sfogarmi e quindi eccomi qua anche questa sera. E poi con questo tempaccio ho pensato a voi e non potevo certo aspettare per la ricetta della cioccolata calda. L'ho preparata lunedì quando ancora il tempo non era così deprimente e sono riuscita a scattare qualche foto.








































Da quando ho scoperto questa ricetta non ho più comperato le famose bustine, mettendo poi una buona cioccolata non tornerete più indietro. Potete variare con lo zucchero e con la fecola di patate se volete la vostra cioccolata più o meno dolce e densa. E' un'ottima idea anche per un regalino di Natale.








































Ingredienti per un vasetto (12 tazze):

180 g di cioccolato fondente al 55%
12 cucchiai di cacao amaro
4 cucchiai di zucchero di canna
8 cucchiai di zucchero semolato
12 cucchiaini di fecola di patate

Tagliate la cioccolata con un coltello, mettetela nel mixer con lo zucchero, il cacao e la fecola di patate e tritate tutto finchè otterrete una polvere sottile. Conservate in un vasetto a chiusura ermetica in un luogo asciutto.
Per preparare una tazza di cioccolato mettete 3 cucchiaini di preparato con 150 ml di latte (una tazza) in un pentolino, sciogliete bene tutti i grumi e portate a ebollizione.
Potete preparare anche il budino mescolando 4 cucchiaini di preparato anzichè 3 al latte.

Sono stata un po' sbrigativa con la ricetta e quindi vi consiglio di seguire bene l'originale qui.








































tazza Le Creuset


Buona serata a tutti!!!
Sabina

martedì 4 novembre 2014

Pollo piccante al forno in stile cajun

Buon pomeriggio miei cari amici,
ma secondo voi è normale mangiare un cetriolino dopo aver bevuto una cioccolata calda??? Ecco, questa è la situazione del momento, mi sento un'anima in pena nel vero senso della parola. Sto attraversando un periodo un po' così, non c'è giorno in cui io non pensi a Lapo e mi sono pentita tanto per averlo ceduto ad un'altra famiglia, ma ormai è troppo tardi per piangere sul latte versato.
Sono felicissima con la mia Nina, lei mi da tanta gioia, ma avrei voluto anche Lapo con noi.
E' una settimana in cui mi sento molto svogliata e pigra, apatica è il termine esatto, forse la stagione e sicuramente anche il ricordo di momenti vissuti proprio in questo periodo dell'anno, troppi vuoti da colmare che ogni tanto ritornano a galla.
Ho anche poca voglia di scrivere e di cucinare, sono tre giorni che preparo per pranzo pasta al ragù, ma passerà ne sono certa. Per fortuna avevo in archivio questa ricetta altrimenti il mio blog sarebbe andato nel dimenticatoio.








































Amo il pollo forse più di ogni altra cosa e quando ho visto questa ricetta su Sale & Pepe ho dovuto provarla.








































Lo stile caijun è come si prapara il pollo in Louisiana, simile alla cucina creola con un mix di spezie piccanti.








































Ingredienti :

1 pollo
4 spicchi d'aglio
1 peperoncino rosso piccante
1 peperoncino dolce
12 foglie di salvia
2 rametti di origano secco
4-5 rametti di timo
1 rametto di rosmarino
il succo di un limone
150 g di formaggio cremoso
1/2 bicchiere di olio extravergine d'oliva
sale

Tritate finemente l'aglio con i peperoncini e separatemente le erbe aromatiche. Mescolate i due triti con il succo di limone, l'olio e due cucchiai di formaggio morbido.
Lavate il pollo, asciugatelo e salatelo internamente ed esternamente, riempite la cavità addominale con il formaggio e richiudete con ago e filo, legate anche le zampe con lo spago da cucina.
Versate la marinata sul pollo, coprite con la pellicola e fate marinare una notte nel frigo.
Il giorno dopo mettete il pollo in una teglia (o in una casseruola che vada anche in forno come la mia Le Creuset) con mezzo bicchiere d'acqua e la marinata, fate cuocere con coperchio o con foglio di alluminio a 160° per un'ora e dieci minuti. Scoprite e fate cuocere a 200° fino a quando il pollo non diventa bello dorato e croccante (nella ricetta sono indicati altri 15 minuti, ma io l'ho fatto cuocere più a lungo). Servite con patate lesse saltate in padella con burro e rosmarino.









































Buona serata a tutti!!!
Sabina