le due bionde

le due bionde

giovedì 24 luglio 2014

Torta alle zucchine

Buongiorno amici,
eh no niente mare, le previsioni danno pioggia, peccato sarà per un'altra volta.
Molte di voi reclamano foto di Nina e a me fa un gran piacere, tra l'influenza passata e il brutto tempo ho perso il ritmo e voglio anche io assolutamente recuperare perchè sono anche per me un gran bel ricordo. Di foto non se ne ha mai abbastanza, riguardo spesso le foto di Elsa e quelle di Nina piccolina piccolina e rimpiango di non averne fatte di più.
Passo subito alla ricetta del giorno e più tardi mi metto ai fornelli perchè voglio preparare il pesto ai peperoni e le "hot spicy chicken wings" le alette di pollo in stile americano, devo ancora trovare la ricetta che fa per me. Ora mi è venuto in mente il pollo di Kentucky Fried Chicken, lo conoscete??? Mamma mia quanto è buono. Io però preferirei cuocere le alette al forno anzichè friggerle, vi saprò dire prossimamente quello che ho combinato.









































Ingredienti per uno stampo del diametro di 26-28 cm (il mio Le Creuset in gres color cotton):

5-6 zucchine piccoline (300 g circa)
1 porro
un mazzetto di aneto
3 uova
200 g di yogurt bianco
150 g di farina di farro
100 ml di olio extravergine d'oliva (il mio Agrinatura di Giancarlo Ceci)
150 g di feta
1 cucchiaio di sesamo
sale e pepe

Gratuggiate le zucchine e tagliate il porro a rondelle.
In una ciotola capiente mescolate la farina con lo yogurt, le uova, l'aneto, l'olio e la feta sbricciolata.
Aggiungete le zucchine, il porro, sale, pepe.
Rivestite la tortiera con carta forno oppure ungetela con poco burro, versate il composto di zucchine e cospargete con i semi di sesamo.
Infornate a 200 ° per 30 minuti finchè la torta non diventa dorata.









































Buona giornata a tutti!!!!
Sabina

mercoledì 23 luglio 2014

Insalata di pollo con il ribes

Buongiorno amici,
oggi è una bellissima giornata, fa già caldo e quasi quasi stavo pensando che domani si potrebbe andare al mare. Si si, sarebbe proprio carino, ora mi organizzo e domani, salvo imprevisti, si parte.
Sempre parlando di vacanze, nell'ultimo periodo mi state scrivendo in molti per chiedermi consigli.
Innanzi tutto, ora faccio l'antipatica e vi dico che io vivo in Alto Adige e non nel Trentino. Il Trentino è la parte meridionale della regione, Trento e provincia mentre Merano è situata nella parte settentrionale chiamata Alto Adige nella provincia di Bolzano.
Mi sento troppo "pesante" a darvi lezioni di geografia di primo mattino.
Vi ringrazio tanto per la fiducia che mi date, ma la vacanza che piace a me magari non piace a voi e viceversa, ognuno ha le proprie esigenze e io non mi sento in grado di consigliare nessuno. Ormai in rete si trova ogni informazione e vi consiglio di rivolgervi a siti specializzati nel settore, alle aziende di soggiorno ecc... Nell'altro mio blog parlo spesso delle nostre gita in montagna, di qualche maso e come arrivarci, sono i luoghi che preferisco ai quali sono affezionata, più di questo non mi sento di fare. Per quel che riguarda ristoranti e alberghi se scegliete piccole pensioni a gestione familiare con cucina tradizionale altoatesina potete stare tranquilli, se volete vivere la montagna nella sua vera essenza ci sono tantissimi agriturismi, qui trovate molte informazioni.
Ora chiudiamo la parentesi vacanze in Alto Adige e parliamo della nostra ricetta: insalata di pollo con il ribes.








































E' una ricetta molto vintage che però in estate così colorata mi piace moltissimo. E' una ricetta del numero di Sale&Pepe di ottobre nel lontano 1998.









































Ingredienti per 8 persone:

un cespo di insalata verde
un cestino di ribes rosso
un cestino di mirtilli
un petto di pollo lessato o grigliato
3 uova sode
un pezzetto di formaggio di capra
4 carotine novelle
3 cucchiai di aceto di lamponi (qui la mia ricetta)
olio extravergine
sale e pepe

Tagliate a pezzetti o a fettine il pollo. 
Sistemate in una ciotola l'insalata pulita, asciugata e spezzettata, il pollo,  il formaggio tagliato a cubetti, le carotte affettate, i frutti di bosco e condite con l'aceto ai lamponi, olio, sale e pepe. Aggiungete alla fine le uova.








































E' anche molto buono l'aceto ai lamponi dell'IKEA oppure quello che ho utilizzato io di Nicolas Vahè.

Buona giornata a tutti!!!
Sabina

lunedì 21 luglio 2014

Frollini al farro

Buon lunedì a tutti,
mamma mia che estate strana!!!! Ho capito soltanto che non devo fare progetti e vivermela alla giornata, ho la nuvoletta di Fantozzi che mi perseguita in questo periodo e non dico più nulla.
La ricetta di oggi sono dei biscottini leggeri leggeri per la colazione o per accompagnare un te pomeridiano. Li ho preparati ancora un po' d tempo fa e mi ero anche scordata di averli in archivio.








































Sono dei biscottini molto semplici e ho voluto preparali abbastanza spessi proprio per poterli inzuppare. Se volete dei biscotti di questo tipo vi consiglio di provare anche questi frollini alla panna.








































Ingredienti:

500 g di farina di farro
1 uovo
120 g di zucchero (ne avevo messo 150 g, ma per i miei gusti erano troppo dolci)
85 ml di olio vegetale
1 bustina di vanillina
1 cucchiaino di lievito per dolci
latte quanto basta

Impastate bene tutti gli ingredienti aggiungendo il latte alla fine poco alla volta fino ad ottenere una palla elastica e soda.
Stendete l'impasto non troppo sottile, ritagliate i biscotti, adagiateli sulla teglia del forno foderata con carta e cuocete nel forno preriscaldato a 180° per 15 minuti.








































Buona giornata e buon inizio settimana a tutti!!!
Sabina

venerdì 11 luglio 2014

Sfoglia ai lamponi

Buongiorno amici,
il post di oggi non era davvero previsto anche perchè in questo momento quello che desidero è soltanto bere un te caldo con tanto miele e rimettermi a letto.
Ma dopo avervi fatto vedere la mia tavola estiva nell'altro blog non potevo lasciarvi con la voglia di questa sfoglia ai lamponi.
E' una ricetta presa dal libro "Stagioni" di Donna Hay che come sempre non delude mai. E' facilissima da preparare, ma di una bontà travolgente. Mi raccomando i lamponi devono essere ottimi.









































Ingredienti:

una confezione di pasta sfoglia rettangolare
1 albume
1 cucchiaio di zucchero semolato

250 g di lamponi (io ho utilizzato una vaschetta da 125 g)
1 cucchiaio di zucchero a velo
240 g di panna acida/crème fraìche
60 ml di panna liquida
75 g di zucchero di canna

Stendete la sfoglia sulla teglia del forno con la sua carta, ritagliate ai lati 4 strisce larghe un paio di cm. Formate un bordo spennellando ai lati l'albume e appoggiate sopra le strisce di pasta.
Punzecchiate la base con una forchetta, cospargete con lo zucchero semolato, spennellate ancora i bordi con l'albume e cospargete sopra altro zucchero semolato.
Infornate nel forno preriscaldato a 200° per 20 minuti circa finchè la pasta è dorata (non preoccupatevi se si gonfia un pochino).
Preparate il ripieno sbattendo in una ciotola la panna acida, la panna liquida e lo zucchero di canna.
Mescolate metà dei lamponi con lo zucchero a velo schiacciandoli un po' e aggiungeteli alla panna.
Stendete il ripieno sulla sfoglia raffreddata e decorate con i lamponi rimasti.









































Buon week end!!
Sabina

giovedì 10 luglio 2014

Pollo con limone e erbe aromatiche

Buongiorno amici,
altro che vacanze qui ci siamo beccati l'influenza, mio marito ed io ce la stiamo passando, tutti e due con una tosse davvero cattiva cattiva che non ci fa dormire la notte. Nina ogni tanto ci guarda come volesse dirci: "ma cosa cavolo avete tutti e due???".
Quest'anno, non so perchè, ma sono sempre malaticcia, mi ero appena rimessa in sesto dall'influenza intestinale e ora eccoci qua ridotti ancora una volta come uno straccio. Credo sia la prima volta in tutta la mia vita che mi sia beccata l'influenza in luglio. Certo, le temperature di luglio dovrebbero essere un po' diverse da quelle attuali, qui fa abbastanza freddino, si dorme ancora volentieri con il piumone e la finestra chiusa.
Proprio quest'anno che restando a casa, volevo organizzare qualcosa per il nostro anniversario di matrimonio il 15 luglio e per il compleanno di mio marito il 19 luglio. Comunque, sempre parlando di tempo bizzarro, anche il 15 luglio di 3 anni fa arrivò la grandine. Il mio sogno era quello di sposarmi in piena estate per poter fare un bel pranzo all'aperto, beh volete sapere come è andata a finire??? Pranzo al coperto ovviamente e tutte le foto con gli invitati tutti imbacuccati con maglioni, giacche a vento, ecc, la sottoscritta è stata l'unica che si è rifiutata di coprirsi.
Mio marito ed io avevamo organizzato per noi e per tutti gli invitati il tragitto al ristorante con attraversata nel bosco in carrozza con tanto di cavalli aveliniesi, ricordo che il cocchiere continuava a girarsi per chiedermi se non avessi freddo. E' stata senza ombra di dubbio una giornata indimenticabile.
Ora torniamo al presente con la ricetta del giorno trovata su Sale&Pepe nel numero di giugno.
Adoro il pollo fatto in tutti i modi e questa ricetta è davvero ottima.












































Ingredienti per 2-4 persone:

4  sovracosce di pollo
1 limone non trattato
1 mazzetto di timo fresco
1 rametto di salvia fresca
1 bicchiere di vino bianco
2 spicchi d'aglio
olio extravergine d'oliva
sale e pepe

Massaggiate i pezzi di pollo con poco olio, il trito di erbe aromatiche, sale e pepe. Disponetelo poi in una casseruola (la mia Le Creuset) o in una teglia da forno. Tagliate il limone a fette, conditelo con poco olio e inseritelo tra i pezzi di carne assieme agli spicchi d'aglio. Versate il vino bianco, coprite con il coperchio o con un foglio di alluminio, infornate a 160° per un'ora e 45 minuti. Togliete il coperchio, alzate la temperatura a 200° e cuocete altri 30 minuti finchè la carne è ben rosolata.








































Buona serata a tutti!!
Sabina

lunedì 7 luglio 2014

Madeleines con pancetta, cipolla, timo e Parmigiano Reggiano

Buon pomeriggio a tutti,
vi avevo già anticipato che da oggi sono in ferie, ma non con il blog. Quest'anno niente Vietnam e nemmeno paesi scandinavi, si rimane a casa, ma non voglio assolutamente rinunciare alla spensieratezza e alla frivolezza delle vacanze, ho chiuso la porta a tutto quello che mi stressa e non ci sono per nessuno, non voglio pensare a nulla e voglio godermi l'estate nel vero senso della parola.
Oggi per iniziare pic nic al lago, più tardi vedrete qualche foto nell'altro blog, domani sveglia presto e altro lago dove spero di riuscire a fare una bella nuotata e portarmi a casa un po' di tintarella.
Con il post di oggi però voglio parlarvi di una competizione culinaria dedicata al Cross Cooking, fa parte della seconda edizione della Parmigiano Reggiano Chef. Normalmente non partecipo mai ai contest, ma dopo essere stata invitata così gentilmente più volte a farlo non potevo rifiutare.
Ora cercherò di spiegarvi meglio: è una sfida tra foodblogger, chef e appassionati di cucina di tutto il mondo, bisogna reinterpretare una ricetta di una cultura gastronomica differente dalla propria inserendo tra gli ingredienti il Parmigiano Reggiano.
C'è tempo fino al 18 luglio e io sono agli sgoccioli come sempre, ci si registra sull'apposita app qui e si carica la ricetta.
Al termine di questo contest una giuria internazionale di chef seleziona le 30 ricette migliori con le quali si formerà un primo ricettario "Cross Cooking" della Parmigiano Reggiano.
Io ho preparato delle madeleines salate da accompagnare con un'insalata di stagione.












































Ingredienti per 12 madeleines grandi:

100 g di farina di farro
1/2 cipolla bianca
3 fettine di pancetta affumicata
3 uova
1 cucchiaio abbondante di crème fraìche
5 cucchia di olio di oliva
1 cucchiaino raso di lievito
sale e pepe
timo
3 cucchiai abbondanti di Parmigiano Reggiano grattugiato

In una padella fate dorare la cipolla tritata finemente con la pancetta in pochissimo olio e fate raffreddare.
Sbattete le uova con il Parmigiano Reggiano grattugiato, aggiungete il timo, l'olio, la farina setacciata con il lievito, la crème fraìche, sale e pepe e infine la pancetta con la cipolla. Mescolate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.
Imburrate gli stampini e suddividete l'impasto aiutandovi con un cucchiaio (io li ho riempiti quasi del tutto in modo da ottenere delle madeleines molto grandi e gonfie).
Infornate per 15 minuti nel forno preriscaldato a 200°.
Sfornate, attendete qualche minuto e poi sformatele, sono buone gustate ancora tiepide.









































Buona serata a tutti!!
Sabina

venerdì 4 luglio 2014

Pappa al pomodoro con melanzane alla griglia, olive nere e feta

Buongiorno a tutti,
com'è da voi il tempo?? Da noi è nuvoloso e a me non dispiace affatto, questo week end non abbiamo nulla in programma, dobbiamo ancora riprenderci dalla strapazzata di domenica scorsa al raduno dei cuccioli. Con oggi mio marito è in ferie e nella mia testa frullano da un po' una serie di programmi.
Per un paio di giorni lascio che si riposi mentre io pulisco casa, che ho trascurato dall'arrivo di Nina.
Dalla prossima settimana invece ferie allo stato puro, giornate in montagna, magari vicino a qualche laghetto, gita al Lago di Garda e week end al mare direzione Adriatico (nel Veneto tra l'altro da pochissimo sono ammessi i cani in tutte le spiagge).
Quest'anno il mio blog non andrà in ferie, anzi, mi piacerebbe immortalare con foto e filmini tutte le nostre gite, pic nic, i bagni al mare con Nina (non vedo l'ora di entrare in acqua con lei), ecc...
La ricetta di oggi è tipicamente estiva, da preparare quando i pomodori sono belli maturi. Io ho anticipato un po' i tempi, anche perchè dalle mie parti i pomodori hanno lo stesso sapore tutto l'anno.









































Dovevo dare assolutamente un po' di carattere a questa pappa al pomodoro e così ho copiato spudoratamente la ricetta da lei, sempre da lei avevo preso ispirazione per la cherry pie (ho cambiato l'impasto base). Probabilmente io e questa signorina siamo in sintonia, abbiamo gusti simili, la sua ultima ricetta è il pesto con zucchine crude, quello che avevo preparato non molto tempo fa.








































Piace anche a me curiosare negli altri blog di cucina, prendo spesso ispirazione per tante idee.
E' inutile negarlo, credo che per tutti le idee arrivino guardando gli altri, ormai in cucina c'è ben poco da inventare. Se si copia da qualcuno credo sia corretto dirlo, è una questione di onestà e chiudo il discorso dicendo: "a buon intenditor poche parole".








































Non avevo mai mangiato la pappa al pomodoro prima, è stata la mia prima volta. Si è leccato i baffi anche il maritino che non ama troppo il pomodoro, squisita. Se non sbaglio dovrebbe essere una ricetta toscana vero??








































Avendo i pomodori diciamo un po' palliducci ho dato forza con i prodotti straordinari Agrinatura di Giancarlo Ceci, l'olio extravergine d'oliva e soprattutto le olive Leccino con il loro sapore intenso del sud.









































Ingredienti per 2 persone:

2 fette di pane toscano
5-6 pomodori maturi
2 spicchi d'aglio
1/2 melanzana piccolina
1 cucchiaio di olive nere
2 cucchiai di feta sbricciolata
olio extravergine d'oliva
sale e pepe
basilico

Incidete i pomodori, tuffateli nell'acqua bollente per qualche minuto, sbucciateli e passateli al passaverdure (oppure fate come ho fatto io e frullate il pomodoro con la buccia).
In una padella con bordo un po' alto fate soffriggere nell'olio gli spicchi d'aglio schiacciati, aggiungete il pane tagliato a cubetti, qualche foglia di basilico e fate dorare. Versate la passata di pomodoro sopra il pane, salate e pepate, aggiungete un mestolo di acqua o brodo vegetale, fate cuocere per 30 minuti con la pentola semicoperta.
Nel frattempo grigliate le fette di melanzana e tenete da parte.
Mescolate di tanto in tanto la pappa in modo che il pane si spappoli del tutto, aggiungete acqua se necessario e regolate di sale.
Versate la pappa al pomodoro nei piatti e guarnite con le melanzane tagliate a cubetti, le olive sminuzzate grossolanamente, la feta sbricciolata e qualche fogliolina di basilico.








































vino rosso Almagia Giancarlo Ceci (ho fatto cambiare l'etichetta in modo che si intonasse con la mia pappa al pomodoro......hahahaha SCHERZOOO!!!)

padella in ghisa e spatola LE CREUSET

ceramiche e bicchieri Tine K Home









































Buon week end a tutti!!
Sabina