le due bionde

le due bionde

giovedì 18 dicembre 2014

Mince pies, dolci natalizi inglesi

Buongiorno amici,
vi dico subito che appena avrò un attimo di tempo inizierò a rispondere a tutte le vostre mail, ne ho ricevute tantissime, non so nemmeno da dove iniziare, neanche fossi Babbo Natale. Le leggo sempre tutte con interesse a tanto piacere, ma poi il tempo per rispondere spesso manca e a volte devo ammettere che sono un po' pigra.
La ricetta di oggi è un dolce della tradizione natalizia anglosassone. L'Inghilterra è un paese al quale mi sento molto legata nonostante siano pasati tanti anni dal mio ritorno in Italia, sono stata fidanzata cinque anni con un ragazzo inglese e di usanze ne ho assorbite molte, anche quelle culinarie.








































Per questa ricetta purtroppo non sono riuscita a fare delle gran foto con l'atmosfera natalizia che desideravo, in quei giorni pioveva e la luce era molto scarsa.










































Ingredienti per 12 mince pies:

180 g di farina
100 g di burro
15 g di zucchero
una presa di sale
2 mele
100 g di zucchero di canna
100 g di uvetta
50 g di noci
2 cucchiai di whisky
la scorza di un'arancia
1 cucchiaio di cannella in polvere

Preparate l'impasto con la farina, lo zucchero, il burro freddo, il sale e acqua fredda quanto basta.
(Con il robot da cucina io impasto velocemente la farina, con il burro tagliato a cubetti, lo zucchero e il sale, quando ho ottenuto un composto bricioloso aggiungo l'acqua, sempre pochissima per volta fino ad ottenere una palla di pasta). Avvolgete la pasta nella pellicola e fatela riposare in frigo 30 minuti.
Nel frattempo preparate il ripieno. Sbucciate le mele e tagliatele a cubetti piccoli, versatele in una pentola e aggiungete lo zucchero di canna, l'uvetta, le noci, la scorza di arancia, il whisky e la cannella. Fate cuocere il tutto a fuoco moderato per 20 minuti circa mescolando di tanto in tanto.
Quando il ripieno si è raffreddato accendete il forno a 180° e stendete la pasta di uno spessore di 4 mm.  Imburrate e infarinate gli stampini da tartellette (i miei sono Le Creuset), ritagliate 12 cerchi del diametro di 8 cm e foderate gli stampini, riempite con il ripieno di mele, con il resto di pasta ritagliate 12 stelline e coprite.
Infornate nel forno già caldo per 20-25 minuti circa finchè le mince pies non diventano leggermente dorate. (Se durante la cottura esce un po' di liquido non preoccupatevi, riuscirete comunque a sformare bene le vostre tortine).








































Buona giornata a tutti!!!
Sabina

mercoledì 17 dicembre 2014

Burro aromatizzato

Buongiorno amici,
com'è che il tempo non basta mai??? Più se ne ha più ne si vorrebbe. Voi non avete idea di quanto io stia pasticciando in cucina in questi giorni, per non parlare dei rotolini nel girovita, già a buon punto direi. Come se non bastasse poi ieri mi sono comperata anche un panettone, la scusa era buona: in questo periodo sono in offerta e ormai è difficile trovare il panettone classico con uvetta e canditi come piace a me,  li fanno o senza canditi o senza uvetta per soddisfare i gusti di tutti. Anche il pandoro classico tradizionale si trova difficilmente al supermercato, sono tutti farciti con creme e cioccolato.
Per stare "leggeri" inoltre al pranzo di Natale vi consiglio di mettere in tavola del burro assieme al pane, un buon burro salato aromatizzato.








































Normalmente quando il pranzo o la cena sono abbondanti cerco di eliminare il pane in tavola, ma a Natale ci piace esagerare e a me personalmente piace molto spiluccare del pane con burro salato tra una portata e l'altra, è un'usanza che ho ereditato durante i miei anni vissuti a Londra, un'"ottima" abitudine direi, "sana" soprattutto.








































Il burro aromatizzato è perfetto con carne o pesce alla griglia, ma anche per servire delle zuppe.
Potete aromatizzare il vostro burro con gli ingredienti che preferite e conservarlo in frigorifero per più settimane.








































Con un panetto di burro da 250 g ho preparato tre piccoli cilindri aromatizzati diversamente.
Il primo è con le noci, il secondo con pomodorini secchi, basilico e aglio, il terzo con olive nere, rosmarino e timo.
Con il robot da cucina frullate gli ingredienti scelti con una presa di sale e il burro per un paio di minuti, avvolgete nella pellicola e formate un cilindro. Fate raffreddare in frigo e tagliate a rondelle prima di servirlo in tavola.








































Potete semplicemente anche preparare un burro soltanto salato, è ottimo sul pane.
Con un po' di fantasia potete dare altre forme al burro, aiutandovi con le formine dei biscotti, ad esempio una stellina su un piattino per ogni ospite. Qui potete vedere un esempio.








































In foto cesto portapane in porcellana della linea "Estetico Quotidiano" by Seletti

Buona giornata!!!
Sabina

martedì 16 dicembre 2014

Pesto ai semi di zucca

Buongiorno amici,
oggi qui piove e fuori è ancora buio e grigio, pensavo di scattare qualche foto con la mia tavola di Natale invece dovrò rimandare, c'è pochissima luce.
L'incontro con Nina e la sua mamma Blitzen è andato benissimo, non avevo dubbi, su facebook ho messo qualche foto, si sono riconosciute e non si sono staccate un attimo. Ieri eravamo un bel gruppo con sei labrador e un terranova che girava al mercatino. Quando si è in ottima compagnia il tempo vola che è una meraviglia.
La ricetta di oggi è un pesto un po' insolito, ma molto molto buono.








































L'ho utilizzato per condire una pasta integrale, ma è ottimo anche spalmato su una fetta di pane caldo tostato. Si conserva per non più di una settimana in frigo.










































Ingredienti per due vasetti da 200 ml circa:

40 g di mandorle
70 g di semi di zucca (io ho preso quelli già tostati)
30 g di prezzemolo
30 g di basilico
2 spicchi d'aglio
125 ml di olio extravergine d'oliva (Agrinatura Giancarlo Ceci)
125 ml di olio di semi di zucca
1 cucchiaino di sale

Fate tostare i semi di zucca e le mandorle in una padella senza bruciare e fate raffreddare.
Tritate grossolanamente il prezzemolo con il basilico e l'aglio.
Tritate anche le mandorle con i semi di zucca separatamente poi aggiungete tutti gli altri ingredienti e tritate tutto assieme fino ad ottenere un bel pesto.
Riempite i vasetti di vetro e conservate in frigo per non più di una settimana.








































Buona giornata!!!
Sabina

lunedì 15 dicembre 2014

Cavolfiore con olive e capperi

Buongiorno amici,
oggi è una giornata importante, Nina riincontrerà la sua mamma biologica e anche io sono un po' emozionata naturalmente.
Subito la ricetta del giorno che più che una ricetta è un'idea.









































Ingredienti:

1 cavolfiore
capperi sotto sale
olive
olio extravergine d'oliva (io utilizzo sempre Agrinatura Giancarlo Ceci)
aceto di vino bianco
sale e pepe

Con un piccolo coltello dividete le cimette dal cavolfiore, lavatele sotto il getto dell'acqua e cuocetele a vapore, non troppo, devono rimanere croccanti. Potete bollirle anche nell'acqua, ma sempre facendo attenzione che non cuociano troppo, devono restare ancora un po' durette.
Fatele raffreddare e condite con olive, capperi, olio extravergine d'oliva, aceto, sale e pepe.
Preparate il tutto un po' prima di servire in tavola in modo che il cavolfiore si insaporisca bene.









































Buona giornata!!!
Sabina

domenica 14 dicembre 2014

Vinaigrette alla libanese

Buona domenica a tutti,
oggi ho ancora un gran sonno, sono uscita con Nina e mentre mio marito sta preparando la colazione sono qui a scrivervi la ricetta del 14 dicembre. Ho un gran bisogno di un caffe nero bollente, ne sento il profumo e il borbottio della moka.
Ma lasciamo stare per un attimo il caffe e parliamo subito di portate natalizie. Mi piace sempre stupire i miei ospiti con qualcosa di particolare, adoro le vinaigrettes perchè danno originalità alle insalate, le trovo eleganti e raffinate. Quasi sempre metto in tavola ad ogni ospite una ciotolina di insalata scondita, una bottiglia di buon olio extravergine d'oliva, un aceto balsamico di qualità e una o due vinaigrettes in modo che ognuno possa condire l'insalata a proprio gusto.








































Mi succedeva spesso che durante i pranzi di Natale l'insalata non venisse mai consumata, tante portate, troppe cose buone e l'insalata rimaneva fiappa nella sua cioltola.
Ora invece servo spesso l'insalata come antipasto con una vinaigrette che fa la differenza e vi garantisco che viene sempre molto apprezzata da tutti. Trovo che sia molto più chic mettere in tavola un'insalata fresca e colorata che non qualcosa di già pronto o surgelato.








































Tra le mie vinaigrettes preferite ci sono quella al limone con l'aggiunta di una puntina di senape piccante, quella allo yogurt, quella alla tapenade e questa alla libanese.








































Potete prepararla più o meno densa, con più o meno tahina e succo di limone. La mia in foto è molto densa, mi serviva così per un pinzimonio di verdure.

Ingredienti:

2 cucchiai di tahina (crema di sesamo)
3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
il succo di 2 limoni
1 spicchio d'aglio schiacciato  (per non esagerare anche solo una puntina)
1 ciuffo di prezzemolo tritato
menta fresca tritata
sale e pepe

Emulsionate bene con una forchetta la tahina con l'olio e il succo di limone, poi aggiungete gli altri ingredienti. Conservate in frigorifero.








































Buona domenica a tutti!!!
Sabina

sabato 13 dicembre 2014

Tiramisù delle feste

Buongiorno amici,
come ogni anno sono sempre combattuta tra quello che vorrei fare e quello che invece devo fare e adesso invece ho perso il filo del discorso, non ricordo più cosa volevo dire. La mia mente è troppo piena di tutto, la noia è un vocabolo che non esiste nel mio vocabolario. Oggi va così, parlo per frasi fatte, senza che queste abbiano un senso tra loro. Sono felice perchè ieri sono riuscita a portarmi avanti con le ricette per questo calendario dell'Avvento, posso godermi il week end al mercatino senza pensare a cosa dover portare in tavola, che meraviglia, ogni tanto ci vuole e direi che me lo sono anche meritato. Mio marito si è abituato troppo bene e quando si tratta di mangiare fuori storce un pochino il naso, per me invece non c'è nulla di più bello che farsi servire, sedersi a tavola e non pensare a nulla, sorseggiare un buon bicchiere di vino aspettando la portata, magari spiluccando anche qualche pezzetto di pane. Per quel che riguarda i mercatini si mangia all'aperto, seduti attorno ad una stufa che ci riscalda, ottime sono sempre le zuppe come quella di gulasch e quella di orzo, poi ci sono wurstel con patate, carne affumicata con crauti, canederli e tanti dolci per quel che riguarda la cucina tradizionale. Più tardi farò un giretto per vedere cosa bolle in pentola oltre al vinbrulè e al brulè di mele. Senza la neve manca un po' di atmosfera natalizia, ed è sempre la neve che ho in mente quando penso alle decorazioni dei miei dolci, come gli alberelli bianchi del mio tiramisù.








































Un tiramisù un po' insolito, senza uova, con i biscotti al cioccolato, crema al mascarpone aromatizzata alla vaniglia e il sapore intenso del caffe amaro. In famiglia è piaciuto molto e se dovessi rifarlo sostituirei il cioccolato bianco degli alberelli con cioccolato fondente.









































Qualche giorno fa è nata una collaborazione con Caffè Vergnano, mi hanno proposto di preparare  un dolce con il caffe e ho subito pensato al connubio cioccolato-caffe. Il caffè esalta il sapore del cioccolato e viceversa, basti pensare alla tazzina di espresso accompagnata da un pezzetto di cioccolato fondente, piacere allo stato puro. Mi sono poi anche ricordata di un dolce che avevo preparato qualche anno fa proprio per le feste natalizie, era un tortino al cioccolato con crema al caffe, divino, difficile dimenticarlo. 









































Ingredienti per 6 persone:

250 g di mascarpone
200 ml di panna liquida fresca
2 bustine di zucchero vanillinato
1 moka da 3 di caffè amaro
27 biscotti al cioccolato (io ho utilizzato i pan di stelle)
1-2 cucchiai di zucchero
70 g circa di cioccolato bianco da copertura

Preparate gli alberelli con il cioccolato sciolto a bagnomaria e l'aiuto del sac a pochè su un foglio di carta forno, fate raffreddare in frigo e staccate con una spatolina al momento della decorazione finale.
Montate la panna con lo zucchero vanillinato e incorporatela delicatamente al mascarpone che avete precedentemente dolcificato con 1-2 cucchiai di zucchero.
Mettete un biscotto sul fondo di ogni bicchiere, versate su ciascuno un cucchiaino di caffe, proseguite con la crema panna e mascarpone, altro biscotto, caffè e così via (io ho messo in ogni bicchiere 4 biscotti). Mescolate la crema rimasta per l'ultimo strato con un paio di biscotti sbriciolati, completate la decorazione con una spolverata di biscotti sbriciolati e l'alberello al cioccolato.












































Buon sabato a tutti!!!
Sabina

venerdì 12 dicembre 2014

Rotolo di polenta con porcini e fontina

Buon venerdì a tutti miei cari amici,
oggi corro subito alla ricetta perchè qui il tempo stringe, non ho ancora pensato ai regali di Natale.
Vi presento un modo un po' più elegante per presentare la classica polenta con funghi e formaggio.









































Ingredienti:

200 g di farina di polenta istantanea
500 g di funghi porcini (io ho preso quelli surgelati)
1 bustina piccola di funghi secchi
1 cipolla
1 spicchio d'aglio
salvia, timo, prezzemolo
mezzo bicchiere di vino bianco
100 g di fontina
olio extravergine d'oliva
sale e pepe

Soffriggete in una pentola la cipolla affettata e l'aglio tritato, aggiungete i funghi porcini e quelli secchi che avete messo precedentemente in ammollo.
Fate insaporire con sale, pepe e erbe aromatiche, versate il vino e fate cuocere dieci minuti circa.
Preparate la polenta, quando è ancora calda versatela sulla carta forno e spianatela formando un rettangolo di 20x30 cm.
Cospargete la superficie di polenta con i funghi tenedone un po' da parte per la decorazione finale, la fontina tagliata a cubetti piccoli e arrotolate aiutandovi con la carta forno.
Lasciate riposare il rotolo per 5 minuti poi adagiatelo sulla teglia da forno, completate con un filo d'olio, i funghi che avete tenuto da parte e ancora qualche pezzetto di fontina.
Infornate a 200° per circa 20 minuti, lasciate riposare ancora 10 minuti e servite il rotolo a fette.









































Naturalmente non si può gustare un buon piatto simile senza un ottimo bicchier di vino rosso.
Ho conservato quest'ultima bottiglia di Felice Ceci Nero di Troia Riserva per le feste, lo trovo straordinario. Anche Doctor Wine ha apprezzato molto questo vino: "Lo dico subito, questa è la miglior bottiglia provata oggi. Un nero di Troia di carattere ed elegantissimo, frutto della vinificazione di un singolo vigneto, prodotto in poche migliaia di bottiglie. Trovo che l’uso prolungato del tonneau sia stato mirabile ed abbia contribuito a far evolvere tanta materia in un invidiabile mix di frutto e profumi. Bocca che parte decisa su note ciliegiose che sono sostenute da note speziate di pepe nero. Naso profondo con dei ritorni di terra umida, tartufo e balsamici."












































Buona giornata a tutti e buon week end!!!
Sabina